Il Museo dell’Olivo Carlo Carli è un’opera unica per originalità e contenuti che testimonia il valore simbolico del più antico albero coltivato dall’uomo.

L’esposizione si snoda lungo 18 sale che raccontano come l’olivo, da sempre, sia parte integrante della nostra vita: reperti archeologici, alcuni dei quali rari e preziosi, scintillanti oliere, lucerne, vasetti per conservare costosissimi cosmetici, attrezzi agricoli testimoni del faticoso lavoro degli antenati.

Si parte dalle origini fenicie dell’olio, si attraversano l’Egitto e la Magna Grecia, fino a raggiungere la Spagna, apprendendo gli usi del prodotto: non solo nell’alimentazione, ma anche nella cosmesi, nella religione, per la salute e per l’illuminazione.

La Riviera Ligure di Ponente produceva importanti quantità di olio che veniva conservato nelle giare o esportato in altri Paesi, il traffico avveniva perlopiù via mare. Nel Museo si possono ammirare particolareggiate ricostruzioni di due frantoi e di una stiva di nave romana con stoccate alcune anfore, il tipico contenitore da trasporto del pregiato “oro liquido”.

Una ricca collezione di lattine litografate risalenti ai primi anni del ‘900, testimonia poi il commercio dell’olio di oliva anche di quel periodo.

Il Museo è allestito nella palazzina liberty costruita per ospitare gli uffici della Fratelli Carli prima che si spostassero nell’attuale sede ed è introdotto da uno scenografico giardino che accoglie una collezione di giare e frantoi provenienti da tutto il Mediterraneo.


INFORMAZIONI
Via Garessio, 13 - 18100 Imperia
Link al sito

Condividi con